Le differenti metodologie di preparazione per gare ciclistiche in circuito e gare di medio e gran fondo.

 

La prima parte della stagione ciclistica amatoriale si caratterizza con due diverse tipologie di gare: quelle brevi in circuito e le medio/gran fondo. Diversi saranno quindi i tipi di preparazione ciclistica che l’atleta dovrà affrontare. Per gestire le gare in circuito veloci, per abituarsi al rapido ritmo gara, all'atleta serviranno cambio di ritmo e velocità che si ottengono con allenamenti mirati su scatti brevi, ripetuti e volate, fattori che in gara risulteranno fondamentali e continui. Gare tipiche sono i circuiti che si svolgono all'interno dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari ad Imola che, da marzo e fino a fine stagione, e che vengono proposte anche più volte in un mese.

Per affrontare le gare di medio/gran fondo, all'atleta servono invece fondo e resistenza, che si ottengono con allenamenti di quantità in zona aerobica e lavori specifici in zona anaerobica, per abituare il fisico alle distanze medie e alla durata, che può passare dalle tre alle sei ore in base al percorso prescelto (corto, medio, lungo). Un esempio di gran fondo di inizio stagione sono: La Gran Fondo Davide Cassani e la Via Del Sale di Cervia, appuntamenti “cult” per il ciclismo amatoriale di questa specialità.

In entrambe le diverse preparazioni valido supporto ed aiuto viene dato da ViSalus, in particolare con il suo ViShape, che:

  • assunto prima, per le gare corte, permette di incrementare la forza necessaria per affrontare i cambi di ritmo;
  • assunto invece prima e durante la gara, per le gran fondo, permette di incrementare la resistenza per uno sforzo così prolungato.

Il riscontro su numerosi atleti, amatoriali e non, in alcuni casi è addirittura incredibile. Le testimonianze sono eccezionali ma come in tutti i casi bisogna provare per credere.

 

-Andrea Patuelli-

Nessun commento ancora

Lascia un commento